Sport
Gelbison-Acr Messina, "Morra" esaurito; Agropoli a Ribera per vincere
Marco Rizzo
03 novembre 2012 13:51
Eye
  1951

GELBISON-ACR MESSINA, IL “MORRA” PRESENTERA’ IL TUTTO ESAURITO
Tutto pronto a Vallo della Lucania. Le ore della vigilia sono palpitanti per la Gelbison di Alessandro Erra. Ancora una volta in questa stagione, il “Giovanni Morra” diventa il palcoscenico principale del girone I. Molto per merito dei rossoblu che si giocano l’entusiasmante prospettiva di un sorpasso ai danni dell’Acr Messina di Gaetano Catalano, dopo quello subìto domenica scorsa. Lo stadio sarà pieno, dallo Stretto giungeranno circa 300 tifosi. Le basi per un grande spettacolo ci sono tutte. In campo, leggendo le formazioni, è la corazzata peloritana ad avere i favori del pronostico. Ma sbancare Vallo della Lucania, lo sanno anche i siciliani, è roba da impresa. I rossoblu puntano tutto su grinta ed entusiasmo e non soffrono di particolari timori reverenziali. Altri, come il Savoia, sul sintetico vallese c’hanno rimesso le penne. L’Acr Messina è avvisato: per confermarsi capolista dovrà sudare e faticare, perché la Gelbison non vuole finire di stupire.

RIBERA-AGROPOLI, PER I DELFINI CONTA SOLO VINCERE
Le assenze pesanti non devono fermare l’Agropoli dall’obbligo di tornare da Ribera con i tre punti in tasca. Troppo importante non lasciare nulla sul campo in terra battuta della matricola siciliana. Il viaggio è comunque pieno di difficoltà per la squadra di Salvatore Nastri. Non solo un terreno che non si adatta alle qualità tecniche dei biancazzurri, ma anche le mancanze di Parisi, Toscano e D’Attilio, oltre a Lombardi fuori rosa. L’organico presenta tante e capaci varianti al tecnico eburino ed è arrivato il momento, per l’Agropoli, di rivestire in pieno la figura di squadra da copertina del girone I della serie D. Del Ribera si sa che al “Nino Novara” sembra pressoché imbattibile. Per informazioni chiedere all’Acr Messina, addirittura umiliato con lo 0-3 della quarta giornata. I siciliani vengono spinti da un pubblico che vuole quanto prima assicurare con il proprio apporto la permanenza a bomber Erbini e soci, ma l’Agropoli non può fallire e deve fare valere il più alto tasso tecnico a sua disposizione, per centrare una cinquina di risultati utili che avrebbe senso solo tornando in terraferma con una vittoria pesante ed attendere anche i responsi degli altri campi, dove giocano dirette avversarie per la conquista della vetta.

SERIE D, GIRONE I: IL PROGRAMMA DELLA DECIMA GIORNATA
Orecchie tese a ciò che accade nel Cilento, a Vallo della Lucania, per il Cosenza di Gagliardi, che non farà troppi chilometri ed andrà a Vibo Valentia per un derby molto sentito da entrambe le parti. La Vibonese è in crisi di risultati, ma Antonio Soda e i rossoneri vogliono togliersi la soddisfazione di fermare i silani di bomber Mosciaro, nuovo capocannoniere del girone, con i cosentini che davanti ad un passo falso dell’Acr Messina al “Morra” potrebbero, con una vittoria, ritrovarsi da soli in vetta alla classifica. Un altro match molto interessante del decimo turno è quello di Cava de Tirreni, dove al “Lamberti” c’è il derby Pro Cavese-Savoia. Pietropinto contro Amura e i metelliani come i bianchi di Torre Annunziata sanno che il pari non servirebbe a nulla. Il Città di Messina punta al ritorno al successo ospitando il Noto in difficoltà, ed ultimo, al “Celeste”. Altre formazioni che vogliono sfruttare l’impegno interno sono il Comprensorio Montalto che riceve l’Acireale e il Comprensorio Normanno che a Paternò se la vedrà nel derby con la Nissa. Altra sfida regionale, quella di Palazzolo Acreide (dove debutta Paditella) tra i padroni di casa e il Ragusa. Infine, a Lamezia Terme, match di metà classifica tra Sambiase e Licata.


ECCELLENZA GIRONE B, GIOCANO IN CASA REAL TRENTINARA E CALPAZIO
Incontri interni per le cilentane del girone B di Eccellenza. Il Real Trentinara sfida il Vico Equense. Per la truppa di Gaetano Voza l’obiettivo è rispondere alla sconfitta di Torrecuso, dove i beneventani si sono staccati in classifica, e i cilentani sono rimasti indietro di tre punti. Adesso, un altro scontro al vertice, contro i napoletani in risalita e guidati da Sorianiello, reduci dal 6-0 rifilato al Città di Battipaglia. Una delle due potrebbe recuperare punti sulle altre, perché la capolista gioca sul non facile campo del Massa Lubrense e il Città di Angri ospita al “Novi” la Palmese. Scende in campo domenica la Calpazio, che al “Vaudano” ospita la Sianese. Occasione da sfruttare per la squadra di Solimeno perché la compagine dell’Agro è dietro di quattro punti e la posta in palio è alta, per fare un ulteriore passo verso la permanenza e lidi più tranquilli, con i capaccesi bravi nelle ultime due partite a sfruttare il fattore-campo. Il turno, l’ottavo, si completa con Città di Battipaglia-Virtus Scafatese di scena oggi pomeriggio e con Eclanese-Cicciano, Sant’Agnello-Atripalda e Libertas Stabia-Us Angri che si disputano domani.



Logo stiletvhd canale80
Immagine app
SCARICA
L’APP