Sanità
LA NOTA DELLA FEDERAZIONE
LA NOTA DELLA FEDERAZIONE
Vallo della Lucania, ridimensionamento Servizio Dipendenze: Fsi chiede riattivazione completa
Comunicato Stampa
31 ottobre 2023 09:49
Eye
  1277

VALLO DELLA LUCANIA. Chiusura del servizio dipendenze (Serd) di Vallo della Lucania. La Federazione Sindacati Indipendenti, con la segreteria territoriale Salerno e la sede provinciale di Vallo della Lucania, in una nota stampa, a firma del delegato sindacale Roberto Ronca e della segretaria territoriale Maria Teresa Esposito, scrive ad Asl, Comune di Vallo della Lucania, Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni ed ancora al Codacons Cilento.

"Apprendiamo con stupore e rammarico che da circa tre settimane oramai il Servizio delle Dipendenze (Serd) di Vallo della Lucania è stato chiuso, riducendo l’apertura solo ad un giorno la settimana per la somministrazione della terapia sostitutiva. Ecco l’ennesima chiusura e crisi che interessa il Cilento: dopo la crisi per la carenza di personale medico del P.O. San Luca, dopo le evidenti difficoltà assistenziali dal parte del Distretto Sanitario, addirittura costretto ad aprire a giorni alterni i Saut territoriali, dopo la carenza sul territorio di medici di Base e Pediatri, ecco arrivare la chiusura del Servizio delle Dipendenze (Serd) di Vallo della Lucania, in un momento storico particolare, in cui l’attenzione per le dipendenze da Ludopatia è molto alta.

La soluzione alla carenza di medici adottata dalla nostra Azienda è quella di chiudere il Servizio Serd e trascurare una parte della provincia a sud di Salerno, ribaltando inevitabilmente il problema sulle famiglie dei pazienti fragili affetti da patologie gravi in cerca di cure adeguate. A nostro avviso, chiudere un Servizio in maniera provvisoria rischia di trasformarsi in una chiusura definitiva con grave nocumento alla popolazione ed anche all’immagine dell’Azienda. Pertanto, si chiede di ripristinare prontamente l’operatività del Serd di Vallo". 



Logo stiletvhd canale78
Immagine app 78
SCARICA
L’APP