Attualità
DOMANDE ENTRO IL 30 MAGGIO 2024
DOMANDE ENTRO IL 30 MAGGIO 2024
Campania, beni confiscati: pubblicato avviso della Regione per finanziamento ai comuni per progetti di riuso
Comunicato Stampa
04 dicembre 2023 15:09
Eye
  903

NAPOLI. La giunta regionale ha approvato il Programma annuale degli interventi da realizzare per la valorizzazione e il riuso sociale dei beni confiscati presenti sul territorio campano, secondo le linee guida della legge numero 7 del 16 aprile 2012. L’avviso è pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Campania ed è rivolto ai comuni affinché avviino la fase progettuale. I punti principali del bando sono gli interventi di innovazione sociale, attraverso un’attività di coprogettazione tra amministratori comunali e soggetti del terzo settore. 

L’amministrazione regionale sta continuando il lavoro positivo svolto nel 2022 sui patrimoni confiscati alla criminalità organizzata migliorando e rafforzando le azioni avviate attraverso tre obiettivi: la valorizzazione, il rafforzamento delle competenze di gestione e la re-immissione nel circuito dell’economia legale delle aziende sottratte alle mafie.  

Un fattore centrale e innovativo del Piano strategico è quello di incentivare la cooperazione tra attori istituzionali e la cittadinanza attiva sui temi della cultura della legalità e la gestione dei beni confiscati.  

Le risorse economiche sono allocate nel Fondo unico per i beni confiscati in attuazione del programma del 2023 in relazione a tutti quei progetti che apportino vantaggi alle comunità locali: l’inclusione, l’integrazione e l’accoglienza sociale, l’occupazione, lo sviluppo locale, i servizi al welfare, l’assistenza, la sostenibilità ambientale. Verranno sostenute, in sintesi, tutte le azioni di gestione, e contestualmente, la ristrutturazione degli immobili. 

Il contributo massimo per ogni proposta delle amministrazioni locali è di 360mila euro e le domande dovranno essere inviate entro e non oltre il 30 maggio 2024. 



Logo stiletvhd canale78
Immagine app 78
SCARICA
L’APP