Rubriche
COSMESI
COSMESI
Guida alla creazione di una skincare ideale
Redazione
12 aprile 2024 13:05
Eye
  409

Creare la propria skincare routine ideale vuol dire tenere conto delle caratteristiche della propria carnagione e, alla luce di questo aspetto, imparare a sovrapporre i diversi prodotti in maniera adeguata. Investire un po’ di tempo in questo aspetto può essere molto importante, anche per trovare il modo migliore per proteggere la pelle da nemici come i raggi UV e l’inquinamento atmosferico. Essa ha bisogno di idratazione, ma non solo: anche di un aiuto che le permetta di eliminare le cellule morte e di un supporto che deve diventare sempre più significativo a mano a mano che gli anni passano.

Le caratteristiche di una skincare ottimale - Una consulenza Skincare si può rivelare davvero utile per provare ad ottenere una carnagione che sia bella e al tempo stesso sana, ma non solo; la skincare routine deve essere anche efficace, semplice e facile da cambiare. In tutti i casi il punto di partenza deve essere rappresentato dall’identificazione della tipologia di pelle con cui si ha a che fare. Gli esperti distinguono tra pelle normale, pelle grassa, pelle secca e pelle mista; al di là della genetica, le caratteristiche sono influenzate da vari fattori, quali lo stile di vita, lo stress e gli ormoni. Non va dimenticato, poi, che la pelle può essere caratterizzata da problemi secondari, per esempio perché può essere danneggiata dal sole o dall’acne, ma anche disidratata, troppo sensibile, invecchiata o modificata dalla rosacea.

Come conoscere la propria pelle - Una pelle normale è contraddistinta da pori di piccole dimensioni, ed è priva di macchie – siano esse oleose o secche -, sfoghi ed eruzioni cutanee. Una pelle secca, invece, è alipidica, e spesso si caratterizza per opacità o desquamazione. Al contrario, elementi peculiari della pelle grassa sono imperfezioni come i punti neri e i pori di dimensioni maggiori, che di conseguenza sono più visibili. Una pelle mista, infine, è tipica di chi ha il mento, il naso e la fronte (cioè la cosiddetta zona T) più oleosa in confronto al resto del volto, con le guance secche o normali.

Guida a una pelle perfetta - Non si deve pensare che la routine da seguire e mettere in pratica per una pelle perfetta sia chissà quanto complessa o elaborata; quel che conta, però, è agire in maniera strategica, provando a pensare quale potrebbe essere la reazione del proprio incarnato. Proprio per questo motivo vale la pena di ritagliarsi un po’ di tempo per approfondire la conoscenza delle caratteristiche della propria tipologia di pelle primaria e identificare gli eventuali problemi secondari da cui essa potrebbe essere afflitta. A partire da tali informazioni, poi, si può pensare all’acquisto dei prodotti necessari, tenendo presente che la routine del mattino deve essere diversa da quella della sera: la prima serve a proteggere ed idratare, mentre la seconda deve stimolare e nutrire.

Come si procede - Detto, dunque, che una routine ideale universale non esiste, in quanto essa va definita in base alle caratteristiche della pelle e ai problemi da affrontare, non si può prescindere da una duplice detersione ad affrontare di mattina e di sera. Al mattino si può fare riferimento a un trattamento come un tonico, un siero o un booster, eventualmente da integrare con un booster. È chiaro, d’altro canto, che c’è bisogno di più tempo per le skincare routine più elaborate, che necessitano di una cura della pelle approfondita. Al mattino, all’uso del detergente si potrebbero affiancare una crema per il contorno occhi e un siero.

Come funziona la detersione - La detersione rappresenta uno dei passaggi principali, e al tempo stesso più delicati, per qualunque skincare routine. Il motivo è presto detto: ogni giorno, la nostra pelle entra in contatto con numerosi agenti inquinanti, a iniziare dallo smog. Tali nemici devono essere contrastati, e dunque rimossi. Al mattino la pelle deve essere detersa affinché i pori non risultino ostruiti. Per una pelle secca, il detergente nutriente ideale è a base di olio o di latte, mentre un detergente oleoso o schiumogeno è da preferire nel caso di una pelle mista o grassa: questo tipo di prodotto, infatti, è in grado di scomporre il sebo in maniera efficace. Va bene per qualunque tipo di pelle, infine, l’acqua micellare, sempre utile.



Logo stiletvhd canale80
Immagine app
SCARICA
L’APP