Attualità
LA PROTESTA CONTINUA
LA PROTESTA CONTINUA
Parco Archeologico Paestum-Velia, USB affianca custodi: "Direzione arrogante, svende patrimonio"
Comunicato Stampa
15 aprile 2024 15:38
Eye
  2693

CAPACCIO PAESTUM. Riceviamo e pubblichiamo, integralmente, la seguente nota stampa diffusa dal sindacato USB Salerno, in merito alla situazione degli assistenti alla vigilanza presso il Parco Archeologico di Paestum-Velia.

La direzione del Parco Archeologico di Paestum-Velia sembra aver trovato il nemico a cui addossare ogni inefficienza della sua amministrazione: i custodi. Si, ci piace usare questa parola che deriva da custodire, sorvegliare qualcosa con attenzione in modo che non subisca danni; avere cura, accudire; preservare dai pericoli, proteggere, conservare. 

Noi abbiamo un ruolo fondamentale: il patrimonio culturale è un bene comune dell’umanità, una risorsa inestimabile che arricchisce la vita di tutti. Proteggerlo è un dovere morale e un investimento per il futuro. La priorità sembra essere esclusivamente la sua vendita, che in molte occasioni è sembrata più una svendita.

L’ascolto a noi riservato è inesistente, anche in sede di contrattazione, dove prevale una voce arrogante che è diventata inaccettabile e lontana da quello che dovrebbe essere un sano rapporto di collaborazione fra dirigente e lavoratore. Per questo motivo abbiamo deciso di partecipare attivamente alla lotta, creando un’altra voce a sostegno di ogni lavoratore. La dignità del lavoro e il rispetto per chi lo compie sono fondamentali, per una società equa e prospera. 

Al riguardo, StileTV ha intervistato Angelo Coccaro (nella foto) del sindacato USB: clicca quì per ascoltare l'intervista



Logo stiletvhd canale80
Immagine app
SCARICA
L’APP