Ambiente
IL CONFRONTO
IL CONFRONTO
Casal Velino, erosione costiera: criticità, progetti e futuri sviluppi nell'incontro con Regione e Provincia
Antonio Vuolo
20 aprile 2024 10:57
Eye
  822

CASAL VELINO. Il vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, ieri pomeriggio, a Casal Velino, ha ribadito l'importanza di intervenire contro l'erosione costiera in quella zona. Parlando durante un incontro sull'argomento promosso dall'Amministrazione comunale presso l'hotel Europa, ha sottolineato "la necessità di azioni puntuali, considerando che il mare non smette mai di agire. In questa zona abbiamo fatto già degli interventi negli anni precedenti, ma è chiaro che bisogna ritornarci perché il mare non si ferma. Si sta lavorando ad un progetto di ampio respiro che richiederà tempi e risorse importanti, nel frattempo dobbiamo fare anche delle cose puntuali, e Casal Velino rientra tra questi” ha detto Bonavitacola. Si sta lavorando a un ambizioso progetto da 20 milioni di euro che coinvolge anche questo tratto di litorale, dopo interventi già effettuati più a sud e presentati a Camerota. La sindaca Silvia Pisapia ha aperto i lavori, evidenziando il costante impegno del territorio nel contrastare l'erosione costiera, una battaglia iniziata negli anni 2000. Franco Alfieri, presidente della Provincia di Salerno, ha spiegato le complessità e i costi delle opere a mare, mentre il vicepresidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Carmelo Stanziola, ha confermato il sostegno dell'Ente nel processo di tutela del territorio. “Le opere a mare sono complicate e dispendiose, richiedono anni di studio e tanta manutenzione visto che poi vengono costantemente messe in discussione dal moto ondoso - ha detto, infatti,  Alfieri - Abbiamo già concluso la progettazione definitiva per la zona più a sud e stiamo lavorando anche su quest’area. Non ci dimentichiamo che solo nel Cilento abbiamo 100 km di costa”. Tra gli esperti, anche il dottor Vincenzo Chiera della Commissione VIA/VAS del ministero dell’Ambiente: “Come difenderci? La soluzione migliore sarebbe arretrare nel tempo la linea di costa piuttosto che difenderla in modo estenuante. Sotto questo punto di vista, bisognerebbe con il tempo trovare soluzioni che in qualche modo portino al ripristino della naturalità dei siti”. Presente anche Bartolomeo Lanzara, presidente del Codacons Cilento, che ha sollecitato chiarimenti sui fondi spesi finora per contrastare il fenomeno.



Logo stiletvhd canale80
Immagine app
SCARICA
L’APP