Cultura
SPRECATI LAVORI PON
SPRECATI LAVORI PON
Rovine di Paestum sommerse dalla vegetazione e non visitabili: lamentele dei turisti
Alfonso Stile
03 maggio 2024 12:43
Eye
  5191

CAPACCIO PAESTUM. Rovine di Paestum nel degrado. Molte zone del Parco archeologico, infatti, non sono più visitabili in quanto invase da erbacce molto alte che ne occultano la vista al pubblico a causa della scarsa manutenzione ordinaria. Negli ultimi giorni, diversi visitatori hanno lamentato tale situazione al personale in servizio e presso le attività ristorative e commerciali della zona.

Uno scempio immortalato dai clic dei visitatori. Decine di segnalazioni e foto inviate alla nostra redazione, da residenti e turisti, testimoniano in maniera impietosa che tutto il quartiere occidentale, portato alla luce e restaurato nel 2019, è praticamente sepolto dalla vegetazione e non più fruibile: la fornace ceramica, l’adiacente piscina, i pannelli informativi e l’area didattica sono, ormai, coperti dal verde. Anche su colonne e capitelli dei templi sono spuntati rami e cespugli pericolosi, che potrebbero minarne l’integrità se non rimossi tempestivamente. 

Un evidente stato di abbandono, sotto gli occhi di tutti, che ha azzerato quanto fatto nel 2019 e 2020 grazie ai fondi PON Cultura e Sviluppo FESR 2014-2020, circa 9 milioni di euro finanziati da Unione Europea e MIC per i ‘Lavori di riqualificazione, restauro e adeguamento funzionale ed impiantistico, presso il Parco Archeologico di Paestum, finalizzati all’implementazione dell’offerta di visita, al miglioramento della fruizione in sicurezza e dell’accessibilità da parte dei disabili, al contenimento del fabbisogno energetico dell’area comprendente la cinta muraria da porta Aurea a Torre 18 ed alcune insulae’. 

Oltre a tali interventi, che consentirono tra l’altro la scoperta del noto tempietto dorico, i lavori prevedevano anche un laboratorio archeologico, passerelle pedonali per i diversamente abili, sistemazione delle recinzioni, l’illuminazione monumenti storici e la pulizia dell’antica cinta muraria, anch’essa ora invasa dalla vegetazione per quasi tutto il perimetro. 

Sollecitate dalla nostra redazione, enti ed attività che avevano dato vita al progetto di ‘adozione delle mura’ si stanno ora mobilitando per poter avviare una nuova convenzione, con la direzione del Parco Archeologico di Paestum-Velia, al fine di sistemare, almeno, la cinta muraria.

AMPIO SERVIZIO CON TUTTE LE FOTO RICEVUTE NEL TGSTILE DI OGGI



Logo stiletvhd canale80
Immagine app
SCARICA
L’APP