DOPO LE CRITICITÀ SEGNALATE DA STILETV

Servizio 118, Asl ci ripensa: riattivate rianimative ad Agropoli e Licinella

Alfonso Stile
08 agosto 2019 10:09

2006

CAPACCIO PAESTUM. 118 in affanno a sud di Salerno: l’Asl del neo direttore generale Mario Iervolino corre ai ripari e ripristina tre unità rianimative sul territorio, così com’era garantito il servizio prima della revoca, ad horas, di ogni rapporto con la Croce Azzurra. Per un mese, infatti, è stata convenzionata l’Associazione di volontariato S.O.S. Soccorso di Agropoli, che presidierà fino al 6 settembre prossimo le postazioni di Licinella a Capaccio Paestum, già attiva da questa mattina alle ore 8, e presso il presidio ospedaliero agropolese da lunedì 12 agosto. L’unità rianimativa della Croce Bianca, che era stata dislocata proprio ad Agropoli, è già tornata presso l’originaria postazione di Salerno città.  La scelta dell’Asl salernitana di riattivare le due rianimative, oltre a garantire per ora un’estate più sicura per residenti e turisti, è stata probabilmente dettata dalle numerose criticità emerse nel garantire l’efficienza del servizio di emergenza territoriale dopo l’interruzione delle convenzioni con la Croce Azzurra onlus, come evidenziato e segnalato dalla nostra emittente (leggi qui), che aveva sollevato seri dubbi sull’efficienza del servizio, sia in termini di effettiva copertura del territorio che relativamente ai tempi di risposta in caso di emergenze in codice rosso ed ai costi dell’importante servizio. All'apposita richiesta di delucidazioni di StileTV al riguardo, dunque, l'Asl ha risposto direttamente con la riattivazione delle due rianimative nel Cilento.

AMPIO SERVIZIO NEL TGSTILE DI OGGI

commenti
consigliati